Newsletter Febbraio 2011

Recensione
Teaching and Research Computer Assisted Language Learning

(Ken Beatty, 2010)

Questa seconda edizione è perfetta per chiunque voglia condurre una ricerca nell’ambito del “Computer Assisted Language Learning (CALL)” o ha un semplice interesse verso questo tema.
Dopo una dettagliata Tavola dei Contenuti facile da usare, scoprirete che l’introduzione offre una breve descrizione del mondo CALL con lo scopo di facilitare la lettura dell’intero libro.
Ci sono 4 sezioni: i Concetti chiave, i Settori di ricerca ed insegnamento nei quali il sistema CALL puo’ essere adottato, Informazioni sulla ricerca CALL e la quarta sessione e’ composta da una lista di risorse e strumenti per utilizzare il sistema CALL e dal Glossario – che riteniamo essere una parte molto importante del libro.
Ogni sezione e’ poi divisa in sotto sezioni, ma tutte le sezioni sono facili da seguire e coprono ogni aspetto del sistema CALL.
Il libro e’ di facile e piacevole lettura senza quella terminolgia “high-tech” che normalmente ci aspettiamo da libri di tale genere.
Decisamente un libro da leggere!

“Democrazia e Liberta’ di stampa” – un progetto educativo Learning Week

Conlan School ha organizzato il progetto Learning Week “Democrazia e Liberta’ di stampa”: 30 studenti dell’Istituto Maironi di Bergamo hanno partecipato al programma dal 16 al 22 Gennaio 2011 e hanno avuto l’occasione di comprendere come funziona un mercato editoriale plurale, di affrontare i temi della relazione tra democrazia e libertà di stampa e di discutere la funzione etica del giornalismo, con particolare attenzione alle opportunità offerte dal web 2.0
Grazie ai seminari condotti dal Professor Simon Roberts (Dipartimento di Giornalismo dell’Universita’ di Chester) e da Dan Owen (Executive Director di North Wales Weekly News Trinity Mirror North Wales), gli studenti hanno potuto apprendere prendere parte ai project work organizzati dai tutor di Conlan School, dando un contributo attivo al progetto.
Il programma ha compreso anche una visita guidata della sede centrale dell’NWN Media a Mold guidata da Steve Rogers – Direttore Editoriale ed una visita alla sede di stampa del giornale dove gli studenti hanno osservato la stampa di un giornale in tutte le sue fasi.
Conlan School ringrazia tutti i consulenti esterni e gli studenti stessi per aver consentito il grande successo di questo programma!

Per maggiori dettagli del progetto “Democrazia e Libertà di stampa”: clicca qui! Ti interessa il progetto? Contattaci su info@conlanschool.com

Ingegneria ed Elettronica

Gennaio e’ stato un mese denso di programmi. Infatti ben 70 studenti della scuola ISIS Leonardo Da Vinci di Porto Gruaro divisi in due gruppi hanno trascorso qui una settimana seguendo un programma incentrato su argomenti relativi a Ingegneria ed Elettronica.
Durante la settimana gli studenti hanno avuto l’occasione di visitare il Centro di Eccellenza di Ingegneria del Deeside College guidati dal Direttore del Dipartimento di Ingegneria Nick Tyson.
Il College collabora in partneriship con la nota azienda britannica Airbus contribuendo alla formazione dei futuri dipendenti dell’azienda e i nostri studenti hanno potuto osservare da vicino alcuni dei jet, motori ed ali disponibili nel College. La visita ha compreso anche una tappa nel dipartimento di meccanica e tecnologia CAD.
La seconda visita della settimana ha visto gli studenti coinvolti in un tour molto approfondito della magnifica Electric Mountain nel Parco Naturale di Snowdonia. Il gruppo e’ stato trasportato all’interno della montagna Elidir dove hanno visto i labirinti e gallerie scavati per la costruzione della centrale elettrica Dinorwig, uno dei lavori di ingegneria di maggior successo.

http://www.flintshirechronicle.co.uk/flintshire-news/local-flintshire-news/2011/01/27/italian-students-pay-visit-to-deeside-college-51352-28059836/

Il detto del mese: “It’s not rocket science”

Questo mese abbiamo scoperto il significato di una frase che e’ spesso sentita nel linguaggio comune: “it’s not rocket science” letteralmente significa “non e’ una cosa difficile da comprendere”.

Non sara’ molto sorprendente sapere che la frase ha origini Americane. Fra le nazioni di lingua Inglese, l’America fu la prima ad adottare un programma sostenibile per lo sviluppo della scienza missilistica.
I primi scienziati esperti nella materia erano un gruppo di ingegneri elettronici militari tedeschi che furono portati in America nel 1945 a seguito della loro cattura dalle truppe alleate durante la Seconda Guerra Mondiale.
Guidato da Werner Von Braun, il gruppetto di scienziati aveva precedente esperienza nel settore grazie allo sviluppo del missile V-2 usato durante la guerra. Il loro successo negli anni ‘40 e ‘50 nello sviluppo di sofisticate tecnologie missilitiche ad uso militare e spaziale fu la ragione per la quale nella mente del pubblico americano si creo’ l’associazione automatica secondo la quale la conoscenza della scienza missilistica necessitava di una conoscenza molto approfondita della materia. Si creo’ quindi l’equazione “scienziato missilistico=tedesco=intelligente” e tale paragone fu utilizzato da un altro scienziato tedesco che a quel tempo lavorava in America – Albert Einstein.
Ecco quindi che quando qualcuno ci dice che un certo concetto “it’s not rocket science”, intende che il concetto non e’ difficile.

http://www.phrases.org.uk/meanings/its-not-rocket-science.html