Newsletter Novembre 2011

Seminario: Prevediamo rivolte? I giovani e la “Big Society”
Universita’ di Chester - 17 Novembre 2011

Le recenti rivolte avvenute in Gran Bretagna hanno dato adito a domande sulla possibilita’ che la societa’ odierna sia una “broken society”. Politici e commentatori sono stati veloci a definire coloro che hanno preso parte alle rivolte come “criminali capricciosi”. Ma questa analisi superficiale e semplicistica rischia di nascondere la reale complessita’ delle cause che hanno generato queste insurrezioni, soprattutto in relazione ai giovani che ne hanno preso parte.
Il Dottor Andy Mycock – course leader del Dipartimento di Scienze Umane dell’Universita’ di Huddersfield - condurra’ un seminario su questo tema il 17 Novembre presso l’Universita’ di Chester, concentrando l’attenzione sui giovani nella societa’ odierna britannica, evidenziando le reali motivazioni che hanno innescato queste rivolte e cercando di capire come le politiche del governo di coalizione – ad esempio il National Citizen Service e il concetto di Big Society tanto promosso in questi ultimi anni – hanno tentato di ridefinire il ruolo dei giovani nella societa’.

www.chester.ac.uk

La Parata Invernale a Chester
24 Novembre 2011

Dal 1400 era tradizione che a Natale i leaders della citta’ di Chester consegnassero le chiavi della citta’ alla City Watch – le forze dell’ordine di allora – dopo aver controllato che la citta’ fosse sicura. A tale consegna seguivano le celebrazioni natalizie, caratterizzate dai “Giganti”, enormi strutture fatte di tela rigida e cartone ciascuna trasportata da due o piu’ uomini.
L’utilizzo di tali “Giganti” era molto comune negli spettacoli fastosi organizzati in epoca Tudor sia in Gran Bretagna, sia in Europa, ma il caso di Chester era unico, poiche’ l’organizzazione prevedeva la processione di un’intera famiglia di “Giganti” – padre, madre e due figlie – assieme alla sfilata di creature fantastiche come l’unicorno, l’elefante, il cammello ed il drago. In origine il drago era simbolicamente picchiato da 6 ragazzi nudi, ma questa pratica fu vietata verso la fine del XVI secolo.
La Winter Watch Parade e’ stata ricreata dal Comune di Chester negli anni ’90 come processione pre-natalizia con la partecipazione di mangiafuoco professionisti, del gruppo Chester Re-enactment con il ruolo di Chester Watch e di un gruppo di scheletri giganti. Anche l’organizzazione Roman Tours partecipa alla processione fornendo una grande biga utilizzata di solito durante il Midsummer Watch ed un imperatore Romano con la faccia di uno scheletro.

http://www.midsummerwatch.co.uk

Manchester City Ballet: “Giselle”
Dal 24 al 26 Novembre 2011

Il Manchester City Ballet presenta “Giselle”, in scena al Dancehouse Theatre dal 24 al 26 Novembre p.v.
Giselle e’ possibilmente uno dei piu’ famosi balletti romantici mai messi in scena. Una storia d’amore cosi’ profonda, che trascende i confini della mortalita’ per trionfare sui poteri diabolici e sulla morte stessa. La storia si basa su antichi racconti di ragazze che, tradite poco prima del giorno del loro matrimonio, non possono riposare in pace ed infestano i boschi cercando vendetta su qualunque uomo riescono ad intrappolare.
Questa drammatica storia d’amore e di tradimento viene messa in scena dai migliori giovani ballerini di Manchester.....decisamente uno spettacolo da vedere!

http://www.thedancehouse.co.uk/whats_on/autumn_winter_2002/event_260.asp

Il Detto del Mese: “In the sticks”

Letteralmente significa “in campagna, specialmente in zone boschive”.
La parola “stick” e’ uno dei termini piu’ antichi della lingua Inglese, risalendo infatti al X secolo quando fu per la prima volta utilizzata negli Old English Leechdoms nel 1150 con il significato di “rami sottili di un albero quando vengono tagliati”.
Nei successivi 1000 anni, qualunque oggetto avesse forma sottile ed appuntita veniva chiamato “stick” – ad esempio gli alberi delle barche, le bacchette dei direttori d’orchestra, i paletti del cricket, gli archi dei violini e cosi’ via.
E come si conviene in questi casi, la parola ‘sticks’ e’ entrata a far parte di numerosi modi di dire – ‘over the sticks’ si riferisce a quando i cavalli saltano le siepi, ‘between the sticks’ si riferisce ai pali delle porte di calcio, ‘up sticks’ si usa quando si deve spostare una tenda da campeggio da un punto ad un altro.
In particolare la frase “in the sticks” fa riferimento ad un’area dove ci sono molti rami tagliati, ad esempio in campagna. Era inizialmente un’espressione Americana, ma e’ oggi di uso comune nella lingua parlata Inglese.
Per un certo periodo inoltre la frase venne associata in particolare al baseball: gli ‘sticks’ erano le partite giocate a livello comunale ed organizzate dai giocatori stessi al di fuori della stagione sportiva per incrementare il proprio reddito.

http://www.phrases.org.uk/meanings/in-the-sticks.html

The Conlan School Course Guide

The Conlan School Course Guide mostra l’ampia gamma di programmi di studio che possiamo offrire a Lei e ai suoi studenti. Attraverso la nostra sempre crescente rete di contatti nel mondo degli affari e della comunità educativa, il nostro fine è di fornire esperienze che possano ampliare la conoscenza e migliorare la familiarità con la cultura del Galles e del Regno Unito. Speriamo che durante la vostra permanenza presso di noi, sia Lei e i suoi studenti possiate migliorare personalmente e concretamente in ogni aspetto della vostra vita!

Clicca qui per scaricare gratuitamente The Conlan School Course Guide!